INGRANAGGI DELLA MENTE di Patrizia Kovacs

Aggiornamento: 15 feb




L’esposizione


Questa mostra si pone l'obbiettivo di mostrare al pubblico i tasselli, i frammenti che compongono l'Io umano.


L’estetica dell’esibizione

La raccolta esposta presenta collage su supporti principalmente cartacei, alcuni collage su tela. I colori forti e saturi e l’utilizzo di blocchi cromatici decisi ricorda i lavori dei grandi dell’advertisement e della pop art, il tutto però senza oscurare la forte personalità dell’artista. Nei suoi ingranaggi, nelle sue sagome possiamo infatti assaporare appieno quello che è il gusto estetico e figurativo di Patrizia Kovacs.

Il tema della raccolta di opere

I frammenti dell'ego vengono sormontati dalle nette campiture che raffigurano il mondo esterno, in modo a volte armonico, a volte opprimente. Così come le figure nelle opere si scontrano con i blocchi di carta, anche l'uomo nella vita quotidiana si ritrova facendo parte della società a dover necessariamente interagire con essa in uno di due modi: sintonia, o contrasto.

L’individuo, inserito in una rete di messaggi semplici, attraenti e suggestivi, si ritrova tra due mondi: la serialità del mondo sociale e l’unicità della sua identità. Le opere esposte si confrontano con il loro “specchio distorto”, manifesto degli effetti non intenzionali, involontari delle relazioni sociali, veri e propri cartelloni pubblicitari.





Vita dell’artista


Patrizia Kovacs è un’artista autodidatta. La sua pittura trae origine nel crogiuolo di terre, luoghi e radici che hanno attraversato le origini della sua famiglia.


Ispirazione ed energia

L’arte di Patrizia Coccon, in arte Kovacs, è un connubio di forze, emozioni, energie variopinte. Lo stile dell’artista si piega a strumenti e tecniche differenti, affrontando un eclettismo creativo unico e singolare.

Patrizia Kovacs osserva la natura, la realtà circostante, e la ricrea inserendo attimi di un vissuto che le appartiene. Richiama frequentemente il tema dell’Esodo, evento che ha colpito la sua famiglia, le sue radici. Ritrae ciò che vede e sente, dapprima i passerotti della copertina del famoso album da disegno Roselline, per poi cimentarsi in ritratti, paesaggi interiori e non, lacerazioni, strappi di superficie, elementi figurativi che incontrano una pittura astratta densa e profonda.

L’amore per l’arte in tutte le sue forme la spinge ad addentrarsi nella drammaturgia, che viene a sua volta messa in scena su un palcoscenico reale e pittorico.

Sogno e realtà si rincorrono lungo le linee definite che interrompono e prolungano la scena al di fuori dei confini della tela. Con gli occhi di una bambina, fa del suo apprendimento da autodidatta il suo punto di forza, mantenendo comunque uno sguardo sulle opere dei grandi artisti. La potenza di Rothko incontra la sensibilità di Chagall, espresse nei blu e nei rossi che danno vita a scenari del tutto inaspettati.


Biografia artistica

Lacerazioni è il titolo della serie di dipinti dedicati agli esuli, uno dei quali è stato in mostra ad Asiago presso Temporary Art Gallery nell’estate del 2021. Ha esposto alla Mostra Internazionale d’Arte Contemporanea “Venezia Project 2011” e presso la scoletta di San Giovanni Battista di Venezia.

Ha illustrato vari racconti per Fiabe in Costruzione, poesie e filastrocche per Arcobaleno Edit e il racconto di Silvia Paganini Piccola Bolla pubblicato con la casa editrice Caosfera di Vicenza.

Ha esposto in piccole mostre personali e collettive in Veneto; ha partecipato al festival shakespeariano “Juliet” a Verona e all’improvvisazione pittorica dal vivo presso il Teatro Nuovo di Verona “Dipinti in danza”.

Attualmente espone con Qu.Bi Gallery di Vicenza.





Informazioni sulla mostra


La mostra INGRANAGGI DELLA MENTE aprirà al pubblico con il vernissage venerdì 28 gennaio 2022 alle ore 19.00. La chiusura è prevista per sabato 26 febbraio.


Il luogo dell’esposizione

La mostra INGRANAGGI DELLA MENTE è allestita presso Qu.Bi Gallery in corso Fogazzaro 21 a Vicenza.


Gli orari di visita

L’esposizione rimarrà aperta al pubblico da sabato 29 gennaio 2022 a sabato 26 febbraio 2022, e si potrà visitare dal martedì al venerdì dalle 15.00 alle 19.00 e il sabato dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00.


I requisiti per l’ingresso

Saranno adottate misure anti Covid-19 e saranno valide tutte le norme nazionali e regionali in vigore al momento dell’evento.

Per accedere alle sale espositive di Qu.Bi Gallery e visitare la mostra è obbligatorio esibire il Green Pass rafforzato.

L’ingresso è gratuito.


Clicca qui per vedere la gallery con tutte le opere d'arte esposte.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti